Itinerari consigliati  

 

EnglishEnglish
Chi siamo
Il Bed and Breakfast
Itinerari consigliati
Dove siamo
Contatti
 

Civita di Bagnoregio: la città che muore
Un esempio di meraviglia unico nel suo genere.
Unita al mondo solo da un lungo e stretto ponte, la "Città che muore", ormai da tempo così chiamata a causa dei lenti franamenti delle pareti di tufo, racchiude un ciuffo di case medioevali ed una popolazione di pochissime famiglie.
Appoggiata dolcemente su un cucuzzolo, la cittadina sovrasta imperiosamente l'immensa vallata sottostante, offrendo così un incantevole e indimenticabile scenario.

   

Palazzo Papale (Viterbo)
Monumento di stile gotico tra i più insigni della città , fu eretto nella seconda metà del XIII sec.. La facciata, preceduta da un’ampia scalinata e sormontata da merlature, si apre con sei bifore unite da una cornice. L’elegante loggia è composta da sette archi sorretti da esili colonnine binate che si intrecciano. Il palazzo fu sede di numerosi conclavi, fra cui quello del 1271, che è ricordato come il più lungo della storia della chiesa e che si concluse con l’elezione di Gregorio X dopo 33 mesi di vacanza della sede papale.

   

Quartiere di S. Pellegrino (Viterbo)
Vero gioiello di contrada duecentesca, conserva pressoché integro il suo aspetto medioevale; le piazzette, le viuzze, le torri, gli archi, le case con i caratteristici profferli (le scale esterne) creano un ambiente straordinariamente pittoresco, alla cui suggestione è difficile sottrarsi. Centro del quartiere è la piazzetta di S. Pellegrino, con la chiesa del Santo e l’austero Palazzo degli Alessandri. Fontana Grande, eretta nel XIII sec. e successivamente restaurata, è la più famosa e forse la più bella delle numerose tipiche fontane viterbesi a tazze sovrapposte (Fontana dei Leoni, Fontana della Morte).

   

Tarquinia
La storia di Tarquinia, città madre dell’Etruria, si identifica con quella del Popolo etrusco. L’atto stesso della sua fondazione effettuata dal mitico Tarconte (da cui Tarchna) fu reso sacro dalla prodigiosa apparizione del fanciullo Tagete nato dalle zolle di Tarquinia

   
Il Lago di Bolsena
Situato nell'alto Lazio, nella caldera principale del complesso vulcanico Vulsinio, ha forma ellittica, una superficie di 114,5 kmq con profondità massima di 151 m e un perimetro di 43 km; vi emergono due isole, Bisentina e Martana, probabili residui di crateri vulcanici, ed è circondato in buona parte dalla catena dei Monti Vulsini. Alimentato principalmente da acqua piovana ha numerosi immissari di portata modesta mentre il fiume Marta, unico emissario, nasce dal porto dell'omonimo centro abitato e sfocia nel Mar Tirreno. Sulle fertili sponde ai boschi di querce e castagni si alternano coltivazioni di vite, olivo e ortaggi. Fra le molteplici attrattive turistiche citiamo quelle di genere archeologico e culturale; sulle rive del lago si sono succedute, infatti, la civiltà Villanoviana, l'Etrusca e la Romana, mentre il periodo medioevale non meno importante ha lasciato segni indelebili nei piccoli centri che lo circondano. Offrono motivi d'interesse anche, le tradizionali feste paesane, le sagre e la cucina; moltissimi invece scelgono il lago a scopo di semplice svago ed esercitano sulle sue acque, la vela, il windsurf e la pesca. Il più gran lago d'origine vulcanica d'Europa e quinto per dimensioni d'Italia
   

Terme di Saturnia
Avventurati in una delle più belle ed incontaminate zone della Maremma Toscana:
quella che circonda le rinomate acque sulfuree a 37 gradi delle Terme di Saturnia

   

Vulci
“qualcosa di inquietante , qualcosa di molto bello” (Lawrence). Il parco archeologico di Vulci è natura , archeologia , tradizioni e cultura. La tomba François , il laghetto del Pellicone , il museo del castello della Badia diventano il luogo ideale per trascorrere una giornata nel parco naturalistico archeologico di Vulci.

   

Parco dei Mostri (Bomarzo)
Le origini sono lontane, ma ciò che si vede di più bello e di interessante venne fatto costruire da Vicino Orsini, nato in questa terra nel 1523. Fu uomo romantico e prode condottiero al servizio dello Stato Pontificio, ma tornato dalle guerre fece posare nella valle sottostante il castello, in un meraviglioso parco, una serie di sculture fantasiose e grottesche, tanto che venne in seguito chiamato Parco dei Mostri.
Alla morte di sua moglie Giulia Farnese fece costruire nel parco, in sua memoria, un piccolo tempio dove, secondo le sue richieste, i sacerdoti della zona avrebbero dovuto commemorarla perpetuamente durante le messe.

   

Villa Lante (Bagnaia)
Chi visita la Tuscia non può non fermarsi a Bagnaia per ammirare la cinquecentesca Villa Lante, edificata appena fuori la cinta del borgo antico.
A Bagnaia di dentro, come la chiamavano gli abitanti del posto con esplicito riferimento alla parte più antica, si accede da una porta-galleria incastonata nelle mura del vecchio Castello. Esso domina la Valle Pierina ed è al centro del primitivo nucleo abitativo costruito su un promontorio roccioso, per economia in opere di difesa, detto Castrum. Le prime notizie del Castrum risalgono al 963 d.c., a quel tempo il borgo si chiamava Bangaria (nome forse di origine longobarda), successivamente evolutosi in Balnearia, Bagnaja ed infine Bagnaia. Dentro le mura, vicoli, palazzetti di costruzione medioevale o rinascimentale richiami di arte saracena danno ancora oggi all'atmosfera un sapore antico.
Nel 1567 concrete svolte nel sistema di vita del centro si ebbero grazie al nuovo piano regolatore di Tommasso Ghinucci architetto senese, che dette spazio alla cosiddetta Bagnaia di fuori, il cui fulcro è, oggi come allora, la Piazza XX Settembre, come le tre Vie ispirate al tridente di Piazza del Popolo in Roma.

   

Palazzo Farnese (Caprarola)
Caprarola sorge sul versante meridionale dei Monti Cimini, dove il panorama si apre nella grande valle del Tevere. Per la bellezza dei luoghi è stata oggetto nel 1995 di studi della Scuola di Architettura del Principe Carlo d'Inghilterra.
Benché tutto il territorio circostante è ricco di insediamenti etruschi, Caprarola conobbe le prime origini intorno al X sec. poiché, anticamente, i Monti Cimini erano ricoperti da fitti ed impenetrabili boschi chiamati Selva Cimina, alla quale furono legate leggende terrificanti, di mostri e dei malvagi.
Ciò tardò l'insediamento umano e l'arrivo dei Romani. Il medioevo fu caratterizzato dalle contese dei vari feudatari, i Di Vico, gli Orsini e gli Anguillara, fatte di sanguinose guerre e rivalità.
Fu nel '500 che conobbe il massimo splendore, quando i Farnese, con la nomina a Papa Paolo III del card. Alessandro Farnese, e con la costituzione del Ducato di Castro, estesero notevolmente il proprio dominio c Papa Paolo III
ostruendo fastose ville e castelli. A Caprarola fu costruita la villa più rappresentativa del livello di ricchezza e di potenza che questa nobile famiglia raggiunse; il Palazzo Farnese di Caprarola.

   
 

Bed and Breakfast La Torricella - Contatti - Privacy

Infosoft Viterbo Lazio Italia - Realizzazione siti internet - grafica e multimedia, software personalizzato, gestione banche dati